Spazzolino Elettrico

Spazzolino Elettrico




Per quale tipo di persone è indicato lo spazzolino elettrico?

Sono indicati per tutti i tipi di persone, specialmente per quelle persone con differenti difficoltà all’ora di realizzare lo spazzolamento tradizionale. Lo spazzolino elettrico ha dimostrato la sua efficacia nell’eliminazione della placca dentale, favorendo una completa igiene orale.

 

Igiene orale…

L’igiene della propria bocca ha accompagnato l’umanità dagli inizi della civiltà. Tutte le epoche e culture hanno incorporato elementi per migliorare l’igiene orale delle persone e, di conseguenza, migliorare la salute della bocca e la qualità di vita in generale.

A inizio degli anni sessanta, iniziano a vedersi i primi spazzolini elettrici come un’alternativa ai metodi manuali tradizionali dello spazzolamento, soprattutto in persone con limitazioni nel utilizzo delle mani.

Uno spazzolino elettrico è colui che incorpora nel manico un piccolo motore che proporziona un movimento meccanico, con lo scopo di aggiungere una testina che faccia l’effetto dello spazzolamento manuale sui denti.

 

Modalità di azione

Inizialmente, la modalità d’azione degli spazzolini elettrici era basato in una combinazione di movimento orizzontali e verticali, cercando di imitare i movimenti delle tecniche di spazzolamento tradizionali.

A metà degli anni ottanta e nella decada degli anni novanta, vengono prodotti nuove generazioni di spazzolini elettrici che, applicano un movimento circolare o rotatorio/oscillante con pulsazione o dispongono di testine che svolgono rotazioni ad alta frequenza. Questa tecnologia è conosciuta come sonica.

Nella tecnologia sonica, lo spazzolino elettrico produce vibrazioni acustiche ad alta frequenza (tra 260-500 Hz) provocate dalla vibrazione in senso orizzontale delle setole ad una velocità tra i 16.000 e 45.000 movimenti al minuto, contro i 300 movimenti al minuto che può raggiungere un normale spazzolino manuale durante la pulizia.

 

 

 

Uno spazzolino elettrico è colui che incorpora nel manico un piccolo motore che proporziona un movimento meccanico, con lo scopo di aggiungere una testina che faccia l’effetto dello spazzolamento manuale sui denti.

Gli spazzolini sonici presentano due meccanismi di pulizia; quello meccanico e un altro basato sulla suddetta tecnologia;

  • Pulizia meccanica: Si tratta della sua azione principale. La pulizia si raggiunge grazie all’azione meccanica svolta dai filamenti, che vibrando ad alta frequenza sulla superficie dei denti, il che aiuta alla eliminazione della placca dentale.

 

  • Vibrazione acustica e idrodinamica: L’elevata velocità con la quale vibrano i filamenti fanno emettere onde acustiche. Queste onde e la loro energia associata viene trasmessa attraverso la saliva attraverso tutta la bocca, esercitando campi di pressione che disorganizzano la placca batterica ed evitano che questa si attacchi alla parete dei denti, incluso ben oltre dove arrivano le setole dello spazzolino. Questa azione si produce incluso senza il contatto diretto delle setole dello spazzolino con il dente fino ad una distanza di tre millimetri. Inoltre, dovuto alle vibrazioni, si introducono nella saliva una certa quantità di aria, la quale genere piccolo bolle che, vengono spinte dove si accumula la placca. Queste bolle sono ricche di ossigeno e, quando raggiungono zone sotto le gengive, con bassa presenza di ossigeno, espongono le colonie di batteri anaerobici a un aumento della concentrazione di ossigeno (clima sfavorevole al loro sviluppo). La dinamica di fluidi è capace di alterare la placca dentale in zone difficili da raggiungere, come tra i denti o sotto la linea delle gengive.

 

In questo modo, il vantaggio dello spazzolino sonico di fronte ad altre tecnologie è che questo aggiunge all’azione di pulizia meccanica convenzionale una azione dinamica di fluidi.

Questa azione aiuta ad alterare le colonie di batteri e, a sua volta, inibisce la loro crescita e sviluppo. A raggiungere zone di difficile accesso, contribuisce a diluire ad eliminare le tossine prodotte per i batteri che vivono li. Ambedue le azioni aiutano a minimizzare gli effetti negative della placca batterica.

 

Per chi sono consigliati?

Gli spazzolini elettrici sono consigliati per tutti i tipi di persone, ma sono indicati specialmente soprattutto per persone che presentano limitazioni all’ora di svolgere la corretta pulizia dei denti, con difficoltà nel dominare una tecnica di spazzolamento adeguata e con limitazioni di capacità manuali (artrite, artrosi, ecc.), persone diversamente abili, persone non poca voglia, anziani, ecc.

Sono stati portati a termine molteplici studi per valutare l’efficacia e sicurezza degli spazzolini elettrici in persone che presentano condizioni specifiche, come pazienti con malattie parodontali, con impianti dentali, con ortodonzie o con handicap, per i quali l’eliminazione esaustiva della placca è vitale, con il fine di evitare complicazioni. In tutti questi casi è stato evidenziato che questa tecnologia apporta molteplici benefici all’ora di realizzare la quotidiana pulizia dei denti.

In pazienti con malattie parodontali, una volta che sono stati trattati, l’esito del trattamento parodontale dipende da molti fattori, ma un requisito per la buona riuscita del trattamento a lungo periodo risiede nell’abilità della persona all’ora di mantenere un’elevata percentuale di eliminazione della placca.

 

Si sa, inoltre, che i pazienti parodontali hanno un controllo della placca inadeguata e sono propensi a sviluppare ricadute. Una delle misure per facilitare le procedure di igiene orale è l’utilizzo di spazzolini elettrici, visto che questo tipo di pazienti necessita un tempo di spazzolamento maggiore del solito, tra tre e quattro minuti.

 

 

Cosa dicono gli studi scientifici sul utilizzo ed efficacia degli spazzolini elettrici?

 

Il ruolo degli spazzolini elettrici nel mantenimento della terapia parodontale è stata studiata in diversi studi clinici. Questi dimostrano l’efficacia e la sicurezza del uso degli spazzolini elettrici da parte dei pazienti con malattie parodontali.

 

Allo stesso tempo, in pazienti con impianti dentali, l’accumulo di placca può produrre complicazioni e finire con lo sviluppare malattie come la mucosite. Gli spazzolini elettrici con tecnologia sonica hanno dimostrato di essere sicuri in pazienti con protesi fisse o impianti.

I pazienti con ortodonzia fisse hanno un maggiore rischio di sviluppare carie e infiammazione gengivale, visto che i brackets, gli archi, così come altri elementi degli apparecchi dentistici, sono strutture che favoriscono l’accumulo della placca e compromettono la corretta eliminazione alterando l’igiene orale in questi pazienti.

Gli spazzolini elettrici con tecnologia sonica hanno dimostrato miglioramenti sia a livelli di placca come a livello di sanguinamento gengivale in pazienti con ortodonzie fisse. Per ultimo, in pazienti con handicap intellettuale, può essere uno strumento effettivo per l’igiene orale, come dimostrano studi pubblicati recentemente.

 

Conclusione

 

Lo spazzolino elettrico sonico rappresentano una valida alternativa per tutte le persone e ha dimostrato di essere sicuro ed efficace nell’eliminazione della placca. Inoltre, possiede il potenziale di migliorare l’igiene orale attraverso una ottima tecnica di spazzolamento e nel incremento della volontà e autostima delle persone.

 

 

10

Nessun Comento

Lascia un Commento