Idropulsori orali, benefici di questi strumenti all’avanguardia

Idropulsori orali, benefici di questi strumenti all’avanguardia




Idropulsori orali

È clinicamente dimostrato che gli irrigatori orali riducono diversi parametri clinici, incluso la placca batterica, il sanguinamento, la gengivite, patogeni parodontali e infiammazioni.

Saperne di più

Gli idropulsori orali sono stati inventati da un dentista, Il Dottor Gerald Moyer, e un ingegnere, John Mattingly a fine degli anni cinquanta negli Stati Uniti. Furono presentati agli specialisti in odontoiatria in una convention in Texas nel anno 1962. Si tratta di un dispositivo che rilascia un flusso pulsato di acqua, sola o mescolata ad un antisettico, e che produce una fase di compressione e decompressione che risulta ideale per eliminare i resti di alimenti e placca, oltre a massaggiare la gengiva senza danneggiarla.

La pressione è un fattore critico in questi strumenti e deve oscillare tra i 50 e 90 psi per essere efficace. Le pulsazioni, a 1200 impulsi al minuto, creano due zone di attività idrocinetica: la zona sopra gengivale, dove impatti il primo flusso d’acqua, e la zona di lavaggio, che è la zona sotto la gengiva dove il composto irriga e penetra.

Grazie alla sua comodità, gli irrigatori orali offrono un buon compromesso per i pazienti, e se incorpora con facilità nella vita quotidiana, migliorando l’igiene orale diaria. La testina deve essere indirizzata verso la superficie dentaria, ed essere lasciata per qualche secondo per ogni superficie. Bisogna ripercorrere tutti i denti e si consiglia di mantenere sempre la stessa direzione per non saltarne nessuno dei due.

Possono essere utilizzati diversi tipi di soluzioni, tuttavia la più consigliata è la sola acqua, per il fatto che è più economica e disponibile, senza effetti indesiderati e comprovato dalle ricerche scientifiche.

Altro tipo di soluzione è l’acqua insieme alla clorexidina. In alcuni studi è stato dimostrato che c’è una miglior penetrazione tra denti e sulle gengive rispetto al solo utilizzo del collutorio.

L’efficacia e la sicurezza degli irrigatori sono stati dimostrati in moltissime ricerche, che hanno valutato l’impatto degli irrigatori sui tessuti molli dopo il loro utilizzo, concludendo che non ci fosse nessun danno; anzi c’era un impatto positivo sulle gengive e nella vascolarizzazione capillare.

Riduzione dei parametri clinici

È stato dimostrato scientificamente che gli irrigatori orali riducono diversi parametri clinici, incluso la placca batterica, i calcoli, sanguinamento, gengivite e patogeni dentali e infiammazioni.

L’eliminazione meccanica della placca è uno dei metodi più efficaci per controllarli. L’azione del lavaggio dell’irrigatore possono provocare cambiamenti significativi e di enorme qualità sulla placca attraverso la diluzione e disgregazione. In uno studio in vitro sulla placca microscopia elettronica di spazzolamento, si è potuto osservare la riduzione del quasi 99% della placca dopo un’applicazione di soltanto tre secondi sulla superficie trattata.

In altri studi su pazienti, è stato comprovato che l’utilizzo dello spazzolino insieme all’irrigatori e al filo interdentale riduce ancora di più l’accumulo dei batteri rispetto al solo utilizzo dell’irrigatore.

Inoltre, grazie alle diverse testine disponibili, l’accesso a zone difficili è più semplici, garantendo una pulizia migliore di quelle zone.

 

Idropulsori e gengivite

 

Si è potuto studiare come l’idropulsore riduce la gengivite e in sanguinamento in modo significativo. In uno studio svolto su più di 100 pazienti dall’università del Nebraska, durato più di quattro settimane, si notò come l’utilizzo di questo strumento insieme ad un comune spazzolino manuale o elettrico migliorava i livelli di sanguinamento e gengivite di quasi il doppio, rispetto al solo uso di spazzolino e filo interdentale.

 

Rispetto all’infiammazione. Si è potuto constatare che l’irrigatore orale diminuisce non solo riduce la placca ma anche i cambiamenti nella struttura della placca stessa che fa che risulti meno patogena per il paziente. Questo porta ad una riduzione significativa nei processi infiammatori che si sviluppano dentro la bocca, dimostrando un collegamento tra infiammazione e placca batterica.

 

Grazie alla precisione e potenza di questo strumenti è stato riscontrato una riduzione dei patogeni fino a 6 millimetri, indipendentemente dalla soluzione utilizzata (solo acqua o altre sostanze).

 

 

Persone con necessità particolari

 

Gli idropulsori orali sono stati messi alla prova in diversi casi clinici. Persone con diabete per esempio, che utilizzano l’irrigatore insieme a testine parodontali, migliora i livelli di placca, sanguinamento e gengivite, oltre a ridurre l’espressione dei mediatori di infiammazione distruttivi IL-1ß y PGE2.

Da notare anche il miglioramento sia nella pulizia che nella sicurezza in paziente che portano impianti dentali e ortodonzia.

 

 

Idropulsori, vantaggi, costi e tipi

Come abbiamo potuto vedere l’utilizzo di questo sistema di pulizia è molto pratico e offre miglioramenti a 360 gradi.

Il prezzo è abbordabile, e se pensiamo a quanti effetti nocivi ci aiuta a combattere è un costo che potrebbe essere necessario sostenere. In caso potete cercare offerte sui diversi siti di shopping online.

Ormai sul mercato si trovano di tutte le marche e prezzi, la prima scelta da fare è con o senza filo. Cordless è sicuramente più pratico, ma a differenza di quelli col cavo hanno bisogno di essere ricaricati spesso. Se dovessimo consigliarvi quale dei due, vi diremmo che se viaggiate spesso quello cordless fa per voi, mentre se lo utilizzate soltanto a casa anche quello col filo no è da scartare.

Notate bene che l’irrigatore non può considerarsi un sostituto dello spazzolino, ma bensì uno strumento da integrare al fine di migliorare l’igiene orale.

Dopo ogni utilizzo è necessario pulirlo e tenerlo in condizione di igiene assoluta.

In conclusione, se siete interessati a questi strumenti vi consigliamo di rivolgervi al vostro dentista di fiducia, che conoscendo meglio la vostra bocca, saprà indicarvi il prodotto che fa al caso vostro, insieme alle testine migliori e alle sostanze antisettiche da integrare nel caso ci fosse bisogno nell’acqua.

9

Nessun Comento

Lascia un Commento