Apparecchio invisibile soluzione definitiva

Apparecchio invisibile soluzione definitiva




Apparecchi Funzionali

 

Sono apparecchi che inizialmente svolgono funzionali, dopo danno luogo a cambiamenti strutturali. Questo tipo di ortodonzia funzionale sono indicati più precisamente per la fase di dentizione temporale o dentizione mista. Questo tipo di trattamento si realizza con apparecchi denominati FUNZIONALI, che, per la sua sola presenza, modificano il funzionamento del sistema sul quale attuano. Al cambiare la direzione e intensità delle forze muscolari le trasformano e producono spostamenti dentali o mascellari correttivi. Questi strumenti, cambiando la funzione dei muscoli facciali e masticatori, proporzionano un mezzo più favorevole per la mascella in sviluppo, ottimizzando il suo potenziale di crescita. Come varianti di apparecchi “passivo-funzionali”, ci sono altri “dinamico-funzionali”, che contano con determinate molle che vengono attivate soltanto con movimenti della mandibola. L’utilizzo degli apparecchi funzionali richiede di una grande collaborazione da parte del paziente, che dovrà portarlo tutto il tempo, per la durata del trattamento. L’esito positivo di questi apparecchi è dovuto alla sua indicazione diagnostica e nella costanza nell’utilizzo.

 

Apparecchi removibili

 

Sono quelli che possono essere tolti dallo stesso paziente per la pulizia, che però, quando vengono utilizzati vanno fissati ai denti. Con questi strumenti si possono applicare pressioni misurate sui denti che si vuole spostare, attraverso l’azione di elementi meccanici attivi, per esempio; molle, archi, viti, ecc. queste forze sono, nella sua totalità, artificiali e meccaniche, e lavorano direttamente spostando i denti, senza aver niente in comune con le forze create per l’azione dei muscoli, che partecipano alle funzioni di masticazione, deglutizione, parlare e altre. Gli apparecchi removibili, comunemente conosciuti come “placche”, sono di gran utilità per l’espansione dei mascellari, soprattutto quello superiore, specialmente per la correzione di malocclusioni. Anche per movimenti dentali molto specifici, esistono grandi quantità di apparecchi removibili attivi.

Hanno vantaggi, ma anche molte limitazioni. Non si deve pensare a questi come alternativa ai trattamenti fissi con bande e brackets, come tanti, sfortunatamente fanno.

 

Apparecchi fissi

 

Tenendo conto delle necessità create per la diagnosi e le possibilità di trattamenti dell’ortodonzia moderna, senza dubbi gli apparecchi fissi sono superiori a quelli removibili. Ciò nonostante, questi non devono essere scartati per il sistema, ma soltanto riservati ai casi per i quali sono indicati. Ogni apparecchio ha una capacità intrinseca per attuare in determinati casi, al di là della quale non potrà operare mai. Gli apparecchi fissi sono la prima classe degli apparecchi in odontoiatrica.

Sono gli unici che, dovutamente utilizzati, possono realizzare qualunque tipo di movimento, come di raddrizzamento e torsione, corporali o in massa, rotazioni, ecc.  Se utilizzati con apparecchi extra orali, apporta componenti di correzione ortopedica, nel più stresso senso della parola.

Per raggiungere risultati precisi, queste protesi fisse necessitano di una tecnica meticolosa, mediante la collocazione precisa di bande e brackets cementati su tutti i denti, come di una seria di archi per raggiungere lo spostamento desiderato.

Hanno anche la capacitò di spostare in forma individuale a tutti e ognuno dei denti in qualunque direzione dello spazio, cosa che non è possibile con gli altri tipi di apparecchi. In molte occasioni è necessario utilizzare elastici, che una volta posizionati danno la pressione necessaria per muovere denti e mascellari verso la loro posizione corretta.

Gli elastici dovranno essere utilizzati per la quantità di ore che viene indicato, in caso contrario, il trattamento potrebbe prolungarsi e in alcuni casi non raggiungere il risultato atteso.

 

Indicazioni specifiche per indossare gli apparecchi fissi

 

Posizionamento errato dei denti

L’impiego di ortodonzie è necessario quando la corona o la radice di un dente è spostata dalla sua corretta posizione, specialmente quando il movimento che viene richiesto è in direzione verticale. Logicamente, sono imprescindibili per qualunque spostamento orizzontale.

 

Denti girati

Il controllo preciso della posizione dei denti raggiunto grazie all’utilizzo degli apparecchi fissi, permette svolgere movimenti di rotazione, impossibile da raggiungere con altri tipi di strumenti.

 

Chiusura di spazi

Solamente gli apparecchi fissi possono chiudere spazi correttamente, grazie alla possibilità di spostare in blocco tutto il dente, corona e radice e collocarlo con la radice parallela ai denti adiacenti.

Relazione di incisivi

Quando è necessario correggere l’angolazione della posizione degli incisivi superiori, inferiori o entrambi, solo gli apparecchi fissi danno la possibilità di spostare i gruppi dentali anteriori in massa, il quale risulta di grande importanza per ottenere un cambiamento stabile nel nuovo angolo.

 

Movimenti multipli

Gli apparecchi fissi possono esercitare controllo sulla posizione di diversi denti o gruppo di denti alla volta, sia sui mascellari superiori o inferiori. Inoltre, permettono di fare movimenti di inclinazione e rotazione simultaneamente

Con gli apparecchi fissi è imprescindibile prima di tutto avere la collaborazione dei pazienti. Inoltre risulta fondamentale che vengano trattati con meticolosità e precisione.

 

Apparecchi extra orali, Ancoraggio extra orale e fissaggio al mento

 

Sono una parte molto importante dei trattamenti ortodontico. Gli apparecchi extra orali creano forze speciali che dirigono la crescita della faccia e dei mascellari. Usati anche per muovere i denti verso una posizione migliore o per impedire che si spostino quando non devono farlo. L’utilizzo regolare di apparecchi extra orali aiuta a raggiungere ottimi risultati Bisogna portarli per il tempo indicato. All’ora di essere tolti dovranno essere rimossi seguendo le indicazioni, in caso contrario si potrebbero riscontrare lesioni alle guance e labbra, ma anche agli occhi. Non dev’essere tolto l’ancoraggio extra orale fino a che non siano state tolte le cinghie. L’ancoraggio extra orale non può essere utilizzato quando si corre o si fa sport. Non bisogna permettere che nessuno prenda e tiri l’ancoraggio. Gli apparecchi extra orali hanno bisogno di cura e di essere portati ad ogni visita dal dentista. Bisogna inoltre eseguire alla lettera le indicazioni del dottore, ricordandosi che la buana riuscita del trattamento è in mano al paziente, così come dello specialista.

 

Ritenzione

Una volta tolto l’apparecchio, termina il trattamento attivo. Ma rimane un altro passo importante chiamato ritenzione. I ritenitori sono disegnati per mantenere i denti nella loro posizione corretta fino a quando l’osso e le gengive si adatteranno al cambiamento. I ritenitori sono temporali. L’ortodontista deciderà quanto tempo bisognerà averli, così come quale di tutte bisognerà usare con più frequenza.

Consigli per la buona cura dei ritenitori; Portarli, vuol dire in bocca, non in tasca o nello zaino. Tenerli sempre puliti. Quando sono removibili, pulirli bene attorno con uno spazzolino da denti. Se i ritenitori sono fissi, è importante pulirli sotto il filo in metallo con il filo interdentale. Ricordatevi che i denti hanno bisogno di tempo per adattarsi ai cambiamenti. I ritenitori mantengono i denti nella loro nuova posizione fino a quando l’osso e le gengive si adatteranno al cambiamento. Se non vengono utilizzati c’è il rischio che tornino nella loro posizione precedente vanificando l’intero trattamento.

 

Pulizia e ortodonzia

Bisogna tenere puliti sia i denti che l’ortodonzia. Gli apparecchi non causano la carie, al contrario, alcuni essendo incollati ai denti proteggo la zona coperta attraverso il cemento che ha una funzione di copertura. Gli apparecchi, tuttavia, possono facilitare l’accumulo di resti di cibo che rimangono fermi e possono alimentare la crescita della placca batterica. Bisogna evitare che si accumuli, in caso contrario attaccherà il dente e provocherà decalcificazione. Come risultato della placca batterica e dei resti di alimenti che si son lasciati senza pulire tra i denti e apparecchi, le gengive potrebbero gonfiarsi e fare male. La mancanza di una corretta pulizia lascia macchie permanenti sui denti. Il nemico principale dal quale ci dobbiamo ben proteggere attraverso la corretta pulizia dei nostri denti è la placca.

Come quando non si hanno strumenti di correzione all’interno della bocca, lavarsi i denti è di vitale importanza per mantenere la buona salute della nostra bocca. Dobbiamo pensare che l’ortodonzia è uno strumento buono ma che in caso non venisse pulita a dovere potrebbe portare grossi problemi alla nostra bocca.

Con pazienza e determinazione, sfruttando l’ortodonzia e una buona pulizia quotidiana della propria bocca potrete sorridere sempre senza necessità di vergognarvi.

 

Conclusione

 

Così come abbiamo parlato nel articolo precedente sulla ortodonzia, nelle sue differenti forme e funzioni, in questo articolo abbiamo voluto spiegare più nel dettaglio come sono formati e per quali casi clinici sono consigliati.

Se pensate di averne bisogno, o che i vostri figli ne abbiamo bisogno dovete rivolgervi al vostro dentista o ortodontista di fiducia che attraverso una visita approfondita e una diagnosi curata potrà indicarvi il trattamento migliore.

 

 

10

Nessun Comento

Lascia un Commento